Tartare di avocado

 

Adoro l'avocado, anche se lo compro raramente data la sua provenienza non proprio a Km 0, essendo un frutto esotico!! Ogni tanto però ci sta, è proprio buono...morbido e nutriente! Si può usare per preparazioni dolci o salate oppure per fare salsine e dressing. Mooolto versatile e sempre buono in ogni sua variante. Essendo piuttosto ricco di grassi, viene spesso evitato nei regimi dimagranti o comunque ipocalorici. In realtà è un'ottimo alimento, dato che contiene acidi grassi a catena corta facilmente utilizzabili dal nostro organismo per produrre energia. E' ricco di vitamina E e fibre e dona sazietà. 

Anche di tartare ci sono mille varianti, io ne faccio alcune più complesse con alghe o germogli...ma dato che qui voglio stare sul semplice, pratico e spiccio vi propongo questa ricetta pronta in due minuti di orologio...ma davvero buona e sostanziosa! Come sempre, l'avocado DEVE essere molto maturo. Come capirlo?

Innanzi tutto c'è da dire che l'avocado resta acerbo per giorni e giorni....poi un giorno diventa maturo...ed il giorno dopo è già troppo tardi. Bisogna avere quindi un certo tempismo! Compratelo già non troppo duro e tenetelo d'occhio. Non praticate mai fori o tagli per verificarne il grado di maturazione altrimenti il processo di maturazione si arresterà e il vostro avocado rimmarrà così. Stessa cosa dicasi per il frigorifero. NON mettete gli avocado in frigorifero a meno che siano già troppo maturi e voi non possiate mangiarli al momento. In questo caso, essendo maturi al punto giusto, il frigorifero eviterà che marciscano. Per capire quando un avocado è maturo bisogna imparare a toccarlo. Se toccandolo riuscite a premere con le dita e "affondarle" leggermente in modo che la buccia si avvalli, allora è maturo. Se la buccia non si avvalla...aspettate!

Quando avete il vostro avocado al punto giusto...seguite questi semplici passaggi.

Tempo di preparazione: 10 minuti

Tipologia di ricetta: antipasto, secondo

 

Ingredienti per 1 porzione:

1/2 avocado maturo

 Succo di 1/2 limone

1/2 cetriolo

1/2 barbabietola cruda piccola (oppure usate carote viola, carote arancioni, finocchio, sedano...insomma quello che avete purchè sia croccante)

sale, pepe macinato fresco

Menta fresca tritata o basilico.

 

Preparazione

Come vedete anche gli ingredienti sono piuttosto variabili, potete usare ciò che è di vostro gradimento o ciò che avete in casa. Se vi piace l'agrodolce, vi dirò che anche una fragola a pezzetti ci sta benissimo. A questo punto pulite la verdura scelta e tagliatela a cubetti regolari, di circa mezzo cm. Riuniteli in una ciotola e condite con sale, olio e succo di limone. Aprite il vostro avocado a metà per il lungo, ne userete solo una. Eliminate il nocciolo. Con un coltellino affilato incidete la polpa dell'avocado più volte prima in senso verticale e poi in senso orizzontale in modo da ottenere dei quadratini. Con un cucchiaio scavate i quadratini ottenuti e versateli direttamente nella ciotola con le altre verdure. Mescolate bene ma delicatamente per non disfare completamente l'avocado e lasciate insaporire almeno 15-20 minuti. Potete aggiungere erbe tritate o anche qualche semino tipo girasole o zucca, ma non esagerate perchè già l'avocado è ricco di grassi. Servite la tartare in cocottine o utilizzate il classico coppa pasta per un effetto più scenico. Io ho optato per servirlo direttamente nel suo guscio. 

Come conservare l'altra metà dell'avocado? Bagnate la superficie a contatto con l'aria con del succo di limone e chiudetelo in un contenitore ermetico. Riponetelo in frigo e consumatelo nel giro di 24-48 ore al massimo.

Buon appetito e....EnJoy! :-)

 

 

Tartare di avocado crudista

SOCIAL

NEWSLETTER

Che verso fa il gatto?
Nome:
Email:

CONTATTAMI

CERCA

Questo sito utilizza i cookies. Navigandolo accetti.