Crema di castagne

La crema di castagne è un mio must autunnale dal lontano 2007 quando mi cimentavo nelle mie prime prove di cucina vegan. Allora avevo un blog...che in effetti esiste ancora però è a dir poco vintage. Vi suggerisco di dargli un'occhiata così per curiosità e troverete infatti anche la ricetta della crema di castagne, con un tocco macrobiotico come mi piaceva fare a quei tempi.

Sbircia la ricetta "vintage"!

Questa crema è facile e buonissima. Si adatta ai biscotti, alla farcitura di torte, come frosting per una cupcake bombardata da scaglie di cioccolato. Inutile dire che è buonissima anche al cucchiaio e che raramente dura piu di tre giorni nel mio frigorifero....anche se ne potrebbe durare tranquillamente 6 o 7. Se usate le castagne già lessate si prepara in un batter d'occhi!

Le castagne sono molto nutrienti e amidacee. Per questo sono ottime a colazione, per darci la giusta energia. Non vanno però abbinate con troppi altri ingredienti amidacei e zuccherini durante la giornata, percui magari evitate patate, pane e pasta se già consumate le castagne in un pasto. Le caldarroste sono buonissime, si sa! Ma mi raccomando...pulitele da eventuali parti bruciate che non sono solo poco gradevoli ma possono essere molto dannose per il nostro organismo esponendolo a sostanze potenzialmente cancerogene!

 

Tempo di preparazione: 20 minuti (piu eventuale cottura delle castagne di altri 50 minuti)

Difficoltà: facile

Tipologia di piatto: colazione

 

Ingredienti per due vasetti:


500 gr castagne già lessate
1 pizzico di sale
500 ml latte di soia o di riso
1 cucchiaio di sciroppo d'acero o malto o miele
un pezzo di bacca di vaniglia

 

Preparazione:

Ecco un trucco per riuscire a pelare meglio le castagne lesse: mettetele un paio d'ore in freezer, poi buttatele in una pentola a pressione con acqua bollente e un pizzico di sale. Chiudete la pentola a pressione e fate andare per 50 min circa. In questo modo si sbucceranno con facilità una volta cotte.
Dopo averle sbucciate mettetele in una casseruola con il latte e il malto (o lo sciroppo) e la vaniglia e fatele sobbollire per 10 minuti. Una volta pronte, prelevate la vaniglia schiacciandola bene per far uscire tutti i semini profumati e poi frullate tutto. Potete regolarne la consistenza aggiungendo un altro pochino di latte se vi piace.
Si conserva tranquillamente in frigo per una settimana!
 
Suggerimento per non usare docificanti: Aggiungete una pera matura, da mettere a bollire nel latte assieme alle castagne cotte. Non servirà altro dolcificante quindi omettete lo il malto!

EnJoy!

 

Potrebbero interessarti anche...

 
 
 

SOCIAL

NEWSLETTER

Che verso fa il gatto?
Nome:
Email:

CONTATTAMI

CERCA

Questo sito utilizza i cookies. Navigandolo accetti.